Confronto e passione: il racconto della nostra ultima giornata di formazione

 

Eccoci giunti al termine del secondo corso di formazione organizzato dal centro Carhambola in collaborazione con la cooperativa Anastasis.
Motore delle continue iniziative promosse dal Centro RHAM Medical Group, sono la passione, la dedizione e la profonda convinzione che la formazione del proprio personale sia la strada giusta per avere risorse qualificate e motivate in grado di dare risultati efficaci ed efficiente nel lungo periodo.

 

 

Il corso, aperto non solo al personale interno del centro Carhambola ma anche ad insegnanti curriculari e di sostegno, educatori, tutor DSA e psicologi, ha avuto l’obiettivo di trasmettere strumenti e nozioni utili ad elaborare un progetto psicoeducativo partendo dagli elementi diagnostici, andando in profondità nella lettura e comprensione della diagnosi.

 

 

Non sono mancate le occasioni di confronto che hanno portando alla luce le grandi difficoltà che quotidianamente tutte le figure coinvolte nel processo educativo dei ragazzi e bambini DSA, BES e ADHD, sono costrette ad affrontare .

La dott.ssa Zoli ha condotto una formazione ricca e stimolante affrontando i temi riguardanti i sistemi di apprendimento, partendo dagli aspetti neurobiologici con e in assenza di disturbo, agli stili e i canali sensoriali adottati per apprendere. Sono state poi discusse le procedure diagnostiche utilizzate dagli specialisti per valutare l’intelligenza, il linguaggio, gli apprendimenti ma anche la memoria e l’attenzione.

 

 

Affrontato il tema della corretta elaborazione di una diagnosi, si è passati ad esaminare con attenzione quelli che sono gli aspetti fondamentali che riguardano la stesura dei PDP (Piani Didattici Personalizzati) e dei relativi progetti educativi.

La giornata è trascorsa permettendo alle corsiste non solo di intervenire liberamente durante tutti gli argomenti trattati,, ma anche di sperimentare i giochi suggeriti dalla docente per potenziare le funzioni esecutive in maniera ludica.

 


Giornata di Formazione. Apertura iscrizioni

Contenuto

Il primo strumento, fondamentale per "comprendere" le caratteristiche e peculiarità dello studente con difficoltà, non può che essere la documentazione diagnostica. Con questa giornata si vuole mettere i partecipanti in condizione di elaborare un progetto psico-educativo a partire dagli elementi diagnostici, andando in profondità nella lettura e comprensione della diagnosi.

Ecco alcuni dei temi che verranno affrontati:

  • Il nostro sistema di apprendimento
  • Iter diagnostico
  • La valutazione dell'intelligenza
  • La valutazione del linguaggio
  • La valutazione degli apprendimenti
  • La valutazione di memoria e attenzione + ADHD
  • Redigere il PDP sulla base della valutazione effettuata
  • Strategie di intervento e strumenti compensativi
  • Cenni relativi alle strategie di studio per singole materie

Docente

Dott.ssa Federica Zoli Laurea specialistica in psicologia delle organizzazioni e dei servizi in ambito educativo e scolastico; Laurea in Scienze della Formazione Primaria e docente di ruolo di scuola primaria, Master in Valutazione e Trattamento dei Disturbi Specifici d'Apprendimento Istituto Galton; DSA e ADHD Homework Tutor, Coordinatrice per 7 anni di un doposcuola specialistico per bimbi e ragazzi con DSA, responsabile di progetto per l'inclusione in diverse scuole.

A chi si rivolge

Insegnati curriculari e di sostegno, educatori, tutor DSA, psicologi

Costo

94 €  IVA esente

Modalità di iscrizione

Inviare all’indirizzo e-mail formazione@carhambola.com  i seguenti dati:

NOME/ COGNOME / INDIRIZZO E-MAIL

con OGGETTO: Formazione 9 novembre 2019

Ad avvenuta registrazione la cooperativa Anastasis provvederà a inviare una e-mail con il riepilogo dati e le coordinate bancarie per effettuare il bonifico.

Posti limitati

Orario

Dalle ore 9:30 alle ore 17:00

Sede

Via Primo Maggio , 60 - Matera

Organizzatori

Dott.ssa Miriam Barbalinardo  - Educatrice e Tutor DSA

Dott.ssa Maria Donadio -  Psicologa clinica e Tutor DSA

Viene rilasciato attestato di partecipazione

 

 

 


Carhambola presenta il Gioco della Scuola

L’iniziativa Carhambola – Il Gioco della Scuola rappresenta uno strumento didattico innovativo ed inclusivo, progettato brevettato e realizzato a Matera dagli esperti del Centro Rham, per il potenziamento delle abilità linguistiche e semantiche.

Tramite l’approccio ludico sarà possibile mettersi in gioco per migliorare e valutare il proprio potenziale conoscitivo relativo al lessico (italiano o inglese).
Il gioco è rivolto a qualsiasi target e fascia di età, adatto per essere utilizzato in autonomia o con il supporto di un docente/educatore.

Il progetto è stato realizzato insieme alla PMI innovativa iInformatica attiva nel territorio materano, e verrà presentato pubblicamente in occasione del Disability pride.


Giornate di screening oculistico per tutti i bambini in età prescolare

Nell’ambito della campagna legata al progetto Sight for Kids Italia, in collaborazione con il Lions Club Matera, il 13, 14 e 15 maggio siamo stati presso l’Istituto comprensivo Padre Pio da Pietrelcina di Pisticci e Marconia per uno screening oculistico gratuito per tutti i bambini della fascia di età 3-6 anni.

I bambini visitati son stati circa 200. E’ stata un’importate occasione per sensibilizzare famiglie ed educatori rispetto alle patologie oftalmiche pediatriche – ambliopia in primis – e a offrire un servizio di screening gratuito che dia indicazioni sullo stato di salute visiva del bambino. Quest'azione non sostituisce il necessario controllo periodico presso studi oculistici, ma può in taluni casi porre all’attenzione del genitore la necessità di un approfondimento diagnostico.

Un ringraziamento alla nostra ortottista dott.ssa Flavia Giugliano, al presidente del Lions Club Matera Host Angela Barbaro e alla Dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Padre Pio da Pietrelcina prof.ssa Cristalla Mezzapesa.

 

 


Imparare disegnando

Gran parte delle interazioni che coinvolgono i bambini avvengono in situazioni di gioco. Il gioco è un contesto relazionale estremamente importante per sviluppare alcune competenze sociali. È attraverso l'attività ludica che il bambino inizia ad apprendere quelle regole e quei ruoli che rappresentano un riferimento indispensabile nel processo di identificazione e socializzazione.

 

L'attività grafico-pittorica consente l'acquisizione dell'abilità rappresentativa. I bambini, infatti, attraverso tale attività riescono ad esprimere e a manifestare la loro personale rappresentazione della realtà. L'attività grafica diventa un eccellente strumento per lo sviluppo della personalità.

 


Giornate di Neuropsicologia dell’età evolutiva 2019

Dal 23 gennaio al 26 gennaio 2019 il team Carhambola partecipa alla XIV edizione delle Giornate di Neuropsicologia dell’età evolutiva organizzate dalla Fondazione Fatebenefratelli, presso la Casa della Gioventù dell’Università di Padova a Bressanone, dove verrà presentata l'applicazione" il castello delle parole" .
Il programma prevede simposi sulle seguenti tematiche: Il profilo linguistico del bambino bilingue in età evolutiva; Profili linguistici e di apprendimento in bambini bilingui minoritari; Fattori di rischio e di protezione per il bilinguismo precoce; Caratteristiche del disturbo linguistico in bambini bilingui con Disturbo di Linguaggio; Basi neurali della Disprassia Evolutiva; Caratteristiche cliniche ed eziologiche della Disprassia Evolutiva; Funzioni esecutive e memoria procedurale nei bambini disprassici; Principi di trattamento dei disturbi motori della speech.

Scarica il poster


Costruire la reciprocità sociale: il nuovo progetto "Il silenzio delle parole"

I disturbi dello spettro autistico raccolgono un insieme di quadri patologici caratterizzati da una generale difficoltà nello stabilire relazioni intersoggettive, causata da problemi di neurosviluppo che, alterando nei primi anni di vita la capacità di mettersi in relazione con gli altri, provocano differenti effetti cognitivi, affettivi e comportamentali (Greenspan, Trevarthen, 1998; Venuti, 2003, 2011). Le caratteristiche fondamentali della patologia, ossia le difficoltà nella costruzione della reciprocità sociale, possono essere presenti anche in individui di intelligenza normale (Rutter, 2005) ed è per questo che si parla di un ampio spettro di disordini che sono simili per qualità ma mitigati in vari aspetti e presenti anche in persone con uno sviluppo intellettivo nella norma. Attualmente quindi, non si parla più di autismo ma di disturbi dello spettro autistico o di autismi, ossia di patologie con caratteri simili ma differenti dal punto di vista dell’etiologia, delle aree cerebrali compromesse e delle manifestazioni comportamentali, simili nel loro aspetto strutturale ma diverse per intensità, qualità e quantità.

Gli interventi riabilitativi di tipo psicologico ad approccio cognitivo-comportamentale, aiutano il bambino/adolescente ad acquisire una maggiore consapevolezza comunicativa, emotiva e sociale. Le competenze acquisite necessitano di una applicabilità che può essere espressa attraverso laboratori di gruppo.

Obiettivi

Il progetto "il silenzio delle parole", a cura della Dott.ssa Daniela Marvulli, psicologa specializzata in psicopatologia dell’età evolutiva e specializzanda in psicoterapia sistemico-relazione e familiare, si pone l’obiettivo di intervenire con metodologie applicate al gruppo sulle seguenti aree:

  • Migliorare la reciprocità sociale: Intervenire sulle alterazioni dell’intersoggettività: il processo di scambio intersoggettivo è nel bambino immediato e naturale e dipende dalla produzione e dal riconoscimento di movimenti espressivi del corpo, del viso, del tratto vocale, delle mani. Molti dei semplici processi mentali alla base dell’intersoggettività sembrano essere in parte alterati nei soggetti con ASD, ad esempio la capacità di fissare e restare attenti al volto, la capacità di riconoscere espressioni emotive.
  • Incentivare l’interazione basata sullo sguardo: la tendenza innata a guardare negli occhi ha un ruolo fondamentale nell’apprendimento del bambino. La riduzione o la mancanza di contatto oculare è uno dei deficit più comuni dei disturbi dello spettro autistico (Senju e Johnson, 2009).
  • Migliorare l’attenzione Condivisa: le difficoltà nello sguardo e nel mantenere il contatto visivo sono alla base della difficoltà di un bambino/adolescente autistico di triangolare l’attenzione dal volto di un adulto all’oggetto, o nel caso di un soggetto con ASD sarebbe più opportuno dire dall’oggetto al volto di un adulto. L’importanza dell’attenzione condivisa per lo sviluppo psichico dell’individuo, soprattutto a livello linguistico, è stata ampiamente dimostrata, così come è stato tracciato nei dettagli il percorso evolutivo di quest’abilità (Tomasello, 1998; Morales et al., 2005).
  • Incrementare la gestualità: il deficit nell’uso spontaneo dei gesti significativi è evidente nei bambini/adolescenti con ASD Oltre ad usare meno gesti è stata recentemente evidenziata una difficoltà nella sincronia gesto-linguaggio (de Marchena & Eigsti, 2010). Sono compromessi sia i gesti richiestivi quali l’indicare, il mostrare che gesti dichiarativi e enfatici; anche l’imitazione dei gesti è più difficile rispetto all’imitazione di azioni (Rogers et al., 1996). L’assenza dei gesti è considerato uno degli indicatori più attendibili per la diagnosi di autismo e le difficoltà di comunicazione non verbale e verbale sono altamente correlati (Camaioni et al. 2003; Iverson & Thelen 1999; Capirci et al., 1996).
  • Migliorare la condivisione emotiva: per le difficoltà nel mantenere e sostenere lo sguardo e nell’attenzione condivisa ad un bambino/adolescente con ASD manca la capacità di guardare il volto di un adulto per decodificarne lo stato emotivo e quindi regolare sulla base di ciò i propri comportamenti. Di conseguenza non guardando, non attivano tutta quella serie di esperienze sociali che sono alla base della strutturazione delle connessioni cerebrali e degli apprendimenti. Una cascata di difficoltà che conduce ad un non adeguato funzionamento cognitivo.
  • Apprendere le regole sociali: rispettare i turni di parola, comprendere la pragmatica del dialogo, comprenderne i “detti” culturalmente appresi, permettono il rispetto delle regole sociali.

Destinatari del progetto

Bambini/adolescenti tra i 5-17 anni con spettro autistico ad Alto funzionamento.


Convegno. L'infanzia e l'adolescenza: una risorsa e non un problema

Presenti alla terza Conferenza regionale del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Basilicata, dal tema "L'infanzia e l'adolescenza: una risorsa e non un problema". Come location la suggestiva Sala Levi di Palazzo Lanfranchi a Matera. Tra i relatori il contributo scientifico della dr.ssa Concetta de Giambattista, neuropsichiatra infantile del Centro Carhambola.

 


Formazione. Strumenti Compensativi per DSA

Prosegue il percorso di costante aggiornamento delle risorse specialistiche. Oggi e domani parliamo di Strumenti Compensativi per DSA, un modello di intervento per l'acquisizione di un efficace metodo di studio finalizzato al raggiungimento del successo scolastico, a cura dei Servizi Formativi ANASTASIS.